Diario delle escursioni - Natura storia e artigianato di uno dei borghi più belli d'Italia







Domenica 5 dicembre, il termometro alle ore 10:00 a Campo Ligure segnava -1°C, ma c'era un cielo azzurrissimo, che, all'andata, lasciava trasparire in lontananza lo skyline di tutto l'arco alpino: la inconfondibile sagoma del Viso era lì, e sembrava più vicina che mai: la giornata sembrava promettere bene!!!! Ci siamo ritrovati in Piazza San Sebastiano e dopo un buon caffè siamo partiti in direzione del sentiero (e soprattutto in direzione del sole che si ergeva da dietro la collina, sperando di farci riscaldare!). La prima parte di questa giornata riguardava il primo dei temi da trattare: la Natura. Così ci siamo addentrati nel bosco, sul sentiero del Percorso Verde, per un breve tratto, giusto per fare qualche sosta raccontando le modalità di gestione del territorio: la gestione forestale, con i tipi di governo del bosco e i trattamenti effettuati, e le sistemazioni dei terrazzamenti negli ambienti prativi, con la tecnica dei ciglioni inerbiti. E' stato bello poter osservare il paesaggio di fronte a noi, cercando di capire come e quanto le cose siano tanto cambiate nel corso dei decenni. Successivamente siamo tornati indietro, sui nostri stessi passi, per rientrare in paese e passare ad uno degli altri temi della giornata: l'Artigianato. Nella sua bottega, nel cuore pulsante del borgo, ci aspettava Davide, filigranista di professione e proprietario del laboratorio Filigranart. Qui è stato possibile accedere al laboratorio ammirando tutte le splendide opere dell'artista, figlie di un'arte tramandata da generazioni. L'artigiano ci ha anche deliziato con una dimostrazione della lavorazione di un oggetto in filigrana, e ci ha spiegato esaurientemente tutte le fasi della sua realizzazione. E' stato magico vedere le mani dell'artista all'opera, dotate di un sapere che scorre direttamente nelle vene di questo paese, Centro Nazionale della Filigrana. In un attimo si è fatta ora di pranzo, così, piuttosto affamati, ci siamo spostati in un altro dei vicoli del centro storico per prendere qualche buon piatto caldo da asporto presso Fresco - Il ristorante a casa tua, una 'fresca' novità tra i caruggi di Campo Ligure! Dopo una scelta difficile, ci siamo spostati col nostro pranzo all'interno del parco comunale, ai piedi del castello, ed abbiamo mangiato riscaldati da un bellissimo sole. Dopo la pausa, gli Amici del Castello sono venuti ad aprirci le porte del fortilizio: abbiamo quindi potuto trattare l'ultimo tema della giornata, la Storia, visitando l'interno del Castello Spinola e raccontando la sua travagliata storia. Completando il giro del parco, ci siamo infine recati ne Il Giardino di Tugnin in cui sono state situate le sculture in legno dell'artista Gianfranco Timossi, tutte ispirate ai temi più disparati, tra mitologia e letteratura. Con un ultimo giro tra i caruggi del borgo, un'occhiata a Palazzo Spinola e una sosta presso il ponte medievale, abbiamo concluso questo viaggio interdisciplinare tra le strade di uno dei borghi più belli d'Italia, Campo Ligure. Qualcuno dei partecipanti ha detto: "Chi se lo sarebbe mai aspettato di trovare tutta questa ricchezza qui!"; questa è la frase che ci rende più felici: la nostra missione per la valorizzazione dell'entroterra, delle nostre valli e dei nostri paesi continua!!!!! E voi che aspettate? Venite con noi nelle prossime giornate per scoprire anche voi una perla di Liguria!

57 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti